mercoledì 6 giugno 2012

"Meat-free Monday", l' appello di Paul McCartney al buonsenso e alla responsabilità

"La stupidità -diceva Frank Zappa- è una componente essenziale dell' universo, come l' idrogeno."

L' eccentrico musicista americano però è scomparso nel 1993, perciò poteva anche non immaginare che un giorno questa stupidità potesse diventare una seria minaccia alla stessa sopravvivenza,  se non dell' universo,  sicuramente del nostro pianeta.

Bene, questa volta voglio proporre un tema sicuramente inflazionato, di cui

anche la stampa generalista, data l' importanza universale, si sta occupando da anni con sempre maggiore frequenza, e perciò di cui tutti sono perfettamente a conoscenza.

Non pretendo dunque di aver scoperto l' America nel ripetere cose già sentite fino alla nausea e ormai arcirisapute (almeno per molti di noi che si interessano all' ambiente e alla sua salvaguardia), ma data la posta in gioco, l' urgenza dei problemi e la nota inerzia della gente e delle istituzioni nel mettere in pratica i necessari cambiamenti, ritengo opportuno insistere affinchè l' argomento del presente post, cioè l' impatto dello stile di vita consumistico che caratterizza tutte le società moderne, non solo sull' ambiente, ma indirettamente su tutte le problematiche planetarie attuali, non rimanga un argomento da salotto.

Secondo la teoria della "risonanza morfica", che prende spunto da quella più nota dell' inconscio collettivo di Jung, le idee e i comportamenti  degli individui influenzano automaticamente ed inconsciamente gli altri individui della stessa specie e della stessa comunità.

Tale teoria si basa su un' affascinante ipotesi di Rupert Sheldrake, uno scienziato e saggista di eccezionale formazione e apertura mentale, ricercatore in botanica e fito-fisiologia, che in base a lunghi studi ipotizza l' esistenza di quelli che lui chiama campi morfogenetici (o morfici), che si possono definire archetipi identificabili in campi organizzativi preesistenti a tutto il mondo fisico, che si tratti di organismi viventi oppure di oggetti inanimati. Strutture immateriali,  dunque, influenzate da idee e pensieri, che  danno origine alla realtà fenomenica e ne plasmano in seguito lo sviluppo.

Perchè ho parlato di questo? Perchè le implicazioni di questa teoria su ciò di cui sto trattando sono di importanza cruciale.

Significa, tradotto in pratica, che maggiore è il numero di individui convinti di un' idea, o che seguono certi comportamenti, maggiore sarà il condizionamento del campo morfico da essi originato  sul resto della popolazione.

Il che spiega anche perchè, nonostante certi concetti siano sensati e palesemente dettati dal buonsenso, sono tenuti generalmente in scarsa considerazione: essi non riescono ad affermarsi a causa dell' indulgere della maggioranza della popolazione in comportamenti contrari, che generano così un potente campo morfogenetico, il quale ovviamente non fa che  perpetuare proprio quei comportamenti.

Per far sì che le cose cambino davvero bisogna dunque invertire il rapporto di forze. Quindi più si parla, più rumore si fa, più ci si impegna a perseguire un dato risultato e quante più persone saranno impegnate a farlo, più si creeranno le condizioni perchè questo si avveri, grazie al campo morfogenetico che avremo contribuito ad alimentare.

Ecco perchè è così importante parlare e coinvolgere gli altri in quello che crediamo, indipendentemente da quelli che sembrano essere i risultati nell' immediato.

Chiusa questa necessaria digressione, vorrei portare ad esempio  uno dei pochi personaggi nell' ambito dei "VIP" che si sta dando parecchio da fare per incoraggiare quanta più gente possibile a seguire, almeno in parte, il suo esempio nell' operare scelte più consone alle urgenti istanze ambientali.

Certo, lui che  gode da decenni di successo planetario ha molto più ascendente  di una persona qualsiasi, ma penso che, se ognuno di noi comuni mortali si impegnasse nel suo piccolo a fare qualcosa nella giusta direzione, a emulare almeno in minima parte  persone come lui, si riuscirebbe molto meglio e più rapidamente a modificare il campo morfogenetico negativo determinato dalla troppa  gente che la testa ce l' ha soltanto per tenere unite le orecchie, che vive costantemente coi paraocchi, e che non vede al di là della punta del proprio naso.

Alludo in particolare a chi pensa solo ai propri comodi e  se ne frega di tutto, a chi fa le cose solo per abitudine o perchè le fanno tutti, e ritiene che dei problemi della società se ne debbano occupare le istituzioni, non essendo evidentemente consapevole della sua parte di responsabilità.

Il personaggio in parola non ha certo bisogno di presentazioni, trattandosi di Sir Paul McCartney, che si è fatto da alcuni anni paladino di una crociata di sensibilizzazione sulle conseguenze dei nostri sprechi consumistici, in larga misura legati alla mania carnivora che non sembra risparmiare nessun Paese al mondo, allorchè intraprenda la sua scalata verso il benessere.

Paul McCartney e il suo libro di ricette vegetariane

Vegetariano convinto di vecchia data, cosa di cui non ha mai fatto mistero, il nostro ex-Beatle propone un ragionevole compromesso a chi non se la sente di rinunciare del tutto alla carne, come si evince facilmente dal titolo stesso della sua campagna: "Meat-free Monday" ("Lunedì senza carne"), alla quale hanno subito aderito le sue figlie, Mary e Stella e varie celebrità.

 Perchè eliminare la carne anche un solo giorno alla settimana, magari al lunedì, appunto, dopo i presumibili bagordi domenicali, sarebbe già un apprezzabile aiuto al nostro pianeta, pur non comportando un vero sacrificio per nessuno.

Non pochi infatti sarebbero sorpresi nell' apprendere che  l' industria dell' allevamento del bestiame produce nel mondo più gas serra (responsabili, come si sa, del surriscaldamento globale) di tutto il settore dei trasporti (18% contro il 13,5%), dato che ogni qual volta si parla di inquinamento e problemi ambientali è diventato un luogo comune puntare l' indice contro le automobili, le industrie, il riscaldamento domestico, insomma tutto ciò che è connesso al consumo diretto di petrolio.

Nessuno però considera le implicazioni in termini di impiego di risorse ed energia della produzione di carne (e altri cibi animali), nè si è sognato mai  di stigmatizzarne il consumo sconsiderato.

Tanto per portare qualche esempio, ogni secondo spariscono foreste che potrebbero coprire sei campi da calcio, per far posto a pascoli o per la produzione di foraggio, e per produrre una fetta di carne si utilizza la quantità d' acqua che serve per una doccia di quattro ore.

Il logo della campagna

"Less meat, less heat" ("Meno carne, meno riscaldamento"), recita dunque lo slogan di questa campagna, scelto per la sua rima in inglese, ma anche per il suo modo diretto di comunicare il messaggio.

E per rendersi conto di quanto il baronetto più famoso del mondo faccia sul serio, c'è la notizia di una sua udienza  tenuta nel dicembre 2009 nientedimeno che al Parlamento Europeo, allo scopo di avere il supporto dell' Unione Europea e allo stesso tempo sensibilizzare l' opinione pubblica.

In quella occasione, assieme al dr. Pachauri, Presidente del "Panel Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici" (IPCC) e uno dei massimi esperti mondiali di scienze climatiche, McCartney, denunciando l' impatto sull' ambiente degli allevamenti intensivi, come emerso da un rapporto del 2006 dell' "United Nations Food and Agricultural Organization", ha spiegato i  motivi affinchè l' Europa e il mondo intero perseguano una politica consona a questa nuova emergenza, emanando anche linee-guida per i cittadini.

Paul con due delle sue figlie che hanno aderito attivamente alla campagna


Di sicuro però il nostro Paul avrebbe fatto meglio a precisare che rinunciare alla carne anche un solo giorno alla settimana non significa sostituirla con altro cibo animale, magari latticini, che per molti aspetti sono anche peggio della carne.

Il concetto da capire infatti è che  la quota di cibo animale presente nella dieta standard attuale ha bisogno di essere complessivamente ridotta, perchè le considerazioni che valgono per la carne si possono estendere in qualche misura a tutti gli alimenti di origine animale (soprattutto a quelli di terra e d' allevamento).

Considerazioni che non si limitano certo al riscaldamento globale dovuto all' effetto-serra, dato che questo è il tema su cui fa perno la campagna, ma riguardano molti altri aspetti non meno importanti, che toccano tanto l' ambiente e le sue risorse, quanto la nostra salute, per non parlare delle ingiustizie sociali cui danno origine a livello mondiale.

Ma su tutto questo sarebbe opportuno soffermarsi in un prossimo articolo, dove emergerà in tutta la sua evidenza l' assurdità e la follia delle attuali scelte.



Per concludere, invito tutti a visitare subito il sito Meat-free Monday, e magari fare una donazione per sostenere la campagna. Potrebbe essere il vostro primo passo per rafforzare quel campo morfogenetico di cui il nostro pianeta ha così disperato bisogno.

E, se questo può essere un incentivo, la vostra offerta vi consentirà di scaricare la canzone che il nostro "Macca" (come viene simpaticamente chiamato da alcuni suoi fans)  accenna nel video di presentazione ivi presente.

Vabbè, è una canzoncina senza pretese da lui sfornata e confezionata giusto per l' occasione (poteva mai esimersi dal farlo per una campagna tanto importante?)

Perciò per rimediare ho pensato di proporvene un' altra delle sue meno note e più sottovalutate.

Mi auguro  vi piaccia quanto piace a me.



Michele Nardella

6 commenti:

  1. Ottimo post, complimenti. Sapevo dell'iniziativa di Paul del "Lunedì senza carne" (se non sbaglio ne avevi già parlato), ma non conoscevo la teoria dei campi morfogenetici, affascinante ma complessa. Mi sembra poco chiaro il concetto di questi campi: se sono archetipi e preesistenti al nostro essere (quasi una sorta di idee platoniche), come possono essere influenzati? Mi sembra contraddittorio ...
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l' apprezzamento.

      Quanto al concetto di campo morfogenetico e di archetipo, non sono un tecnico, perciò cercherò di risponderti a modo mio, in base a quello che mi pare di aver capito.

      Io credo che l' equivoco nasca dal fatto che tu hai un' impostazione evidentemente filosofica, e così vedi il concetto di archetipo in questi termini, mentre qui si parla di scienza, perchè si tratta pur sempre di sperimentazioni e non di semplici speculazioni cerebrali (per quanto gli scienziati più tradizionalisti siano piuttosto restii ad accettare le teorie di Sheldrake, a causa dei soliti pregiudizi culturali, ma questo è un altro discorso).

      Quello che si vuole dire è che esistono dei campi di energie, analogamente ai campi elettromagnetici (che però sono un' altra cosa, e, diversamente dai primi, sono entità fisiche di proprio diritto), molto più sottili di quelle che sono state sinora oggetto di studio della fisica, che governano tutta quanta la materia (non solo quindi gli esseri viventi, ma anche forme più o meno organizzate di materia, come ad esempio i cristalli).

      Qualcosa di analogo all' aura che circonda ogni cosa, raffigurata tradizionalmente nell' iconografia religiosa con un simbolico cerchio intorno alla testa dei santi (l' aureola), per sottolineare il particolare splendore del campo energetico emanato da persone spiritualmente molto evolute.

      Energie così particolari possono essere rilevate solo per mezzo della fotografia Kirlian, un procedimento completamente diverso da quello tradizionale.

      Possiamo considerare questi campi morfici, per tornare all' argomento, come delle informazioni, una sorta di memoria responsabile di tutto ciò che nasce e si sviluppa nell' ambito del mondo fisico. Ho detto infatti che questi campi, questa memoria, sono preesistenti alla materia, nel senso che quest' ultima da sola non è in grado di organizzarsi, il che significa che deve esserci un progetto a monte. Questo progetto però non è riconducibile solo al DNA, come hanno sempre creduto e vogliono far credere gli scienziati meccanicisti, in quanto ci sono proprietà che non possono essere spiegate in base alle teorie genetiche (la differenziazione cellulare nell' embriogenesi, ad esempio, oppure il fatto che tutti gli uccelli di uno stormo cambino direzione all' unisono, come se fossero sincronizzati).

      In questa accezione il termine "archetipo" è del tutto appropriato, in quanto si vuole intendere che tali campi sono modelli primordiali da cui tutto ha origine, ma sono essi stessi in continua trasformazione, grazie alle scelte e ai comportamenti degli individui che condividono lo stesso campo morfico, che può perciò essere rafforzato oppure modificato radicalmente.

      Spero di aver chiarito.

      Elimina
  2. Concordo pienamente con il post, ma sono pessimista: "chi pensa solo ai propri comodi e se ne frega di tutto" sarà sempre sovrannumerario (e di molto) rispetto agli altri.
    Al nostro povero pianeta accadrà quello che è accaduto, in piccolo, nell'Isola di Pasqua. Nè più, nè meno.
    Francesco Mecozzi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai letto distrattamente l' articolo. Adesso riporto il punto-chiave:

      "Per far sì che le cose cambino davvero bisogna dunque invertire il rapporto di forze. Quindi più si parla, più rumore si fa, più ci si impegna a perseguire un dato risultato e quante più persone saranno impegnate a farlo, più si creeranno le condizioni perchè questo si avveri, grazie al campo morfogenetico che avremo contribuito ad alimentare.

      Ecco perchè è così importante parlare e coinvolgere gli altri in quello che crediamo, indipendentemente da quelli che sembrano essere i risultati nell' immediato."

      Che ognuno dunque faccia la sua parte.

      Elimina
  3. Mi è piaciuto molto il modo in cui hai trattato questo tema. Nel '400 a.C. Ippocrate, dissertava sulla morfologia umana, giungendo al sunto che le fattezze dell'uomo sono il frutto del proprio stile di vita.
    Come non appassionarsi alla considerazione, che a costo zero, la qualità della vita migliora?
    Buona giornata a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. michele nardella7 novembre 2014 03:30

      Grazie, Giancarla, per il tuo intervento e scusami se tu rispondo solo ora, ma, come t'ho detto, sono ancora in condizioni precarie per quanto riguarda l' uso del pc.
      Ciao.

      Elimina